• Tamponi da medici di base e pediatri, condòmini favorevoli: ma solo se il dottore non è il “vicino di casa”

    Redazione Libricondominio | Novembre 22, 2020

    Ti potrebbe interessare:

    13.90

    Spedizione garantita in 48h e gratuita a partire da 30€

    Aggiungi al carrello

    Visualizza

    9.90

    Spedizione garantita in 48h e gratuita a partire da 30€

    Aggiungi al carrello

    Visualizza

    21.90

    Spedizione garantita in 48h e gratuita a partire da 30€

    Aggiungi al carrello

    Visualizza

    In termini assoluti il 77,5% dei condòmini intervistati si è detto favorevole, ma la percentuale si abbassa vertiginosamente se il medico è il “vicino di casa”. Ecco i dati da un’indagine di Condexo.

    Tamponi antigenici rapidi dai medici di medicina generale e pediatri di libera scelta: lo prevede un accordo siglato a livello nazionale nell’ambito dei provvedimenti adottati per arginare i contagi da Covid-19.

    In Italia, come raccontano i dati del Ministero della Salute, sono in media 210.254 i tamponi giornalieri effettuati (dati 6-16 novembre 2020), con le cronache a raccontare di lunghe attese e code per sottoporvisi. Un sistema reputato “pessimo” da 6 persone su 10 del campione intervistato da Condexo, azienda nel campo del PropTech che si occupa di gestione integrata del condominio che ha condotto un’indagine sul tema.

    Se il 40% di coloro che hanno risposto al sondaggio non si è personalmente sottoposto ad alcun tampone, tra chi ha dovuto effettuare il test per il Coronavirus il 59% ritiene l’attuale sistema “pessimo”; il 33% lo giudica ‘buono’ perchè “non ha riscontrato particolari problemi nell’effettuare un tampone o un test”. ‘Eccellente’ solo per l’8%.

    Non un caso dunque che il 77,5% degli intervistati si sia detto favorevole ai tamponi rapidi da medici di medicina generale e pediatri di libera scelta. Su un campione di duemila persone ben 1550 sono convinte che “tutte le iniziative di screening siano utili nel tentativo di limitare i danni dell’epidemia da Covid-19”. Il 22,5% avrebbe invece preferito lasciare tale iniziativa alle Asl, attraverso le postazioni drive-in, negli ospedali e ai laboratori accreditati.

    Ma visto che spesso gli studi dei medici di famiglia e pediatri di libera scelta si trovano all’interno di complessi condominiali, qualche timore emerge. Il mondo dei condòmini, quello sondato da Condexo, appare spaccato: se il 55% è favorevole ai tamponi negli studi medici situati nei condomini perchè indossando i dispositivi di protezione individuale risulta “un’iniziativa utile per lo screening”, allo stesso modo il 45% ha espresso la propria contrarietà perchè “non ci sarebbero spazi idonei al distanziamento” e “il via vai di persone potenzialmente positive al Covid-19 potrebbe essere pericoloso”.

    E se i tamponi rapidi venissero effettuati in uno studio medico nel proprio condominio di residenza? E’ in questo caso che la percentuale dei favorevoli diminuisce ancora. Se il medico chiamato ad effettuare il tampone rapido per il Covid-19 è sostanzialmente il “vicino di casa” ad accettarlo “senza problemi” sarebbe il 42,5%. Trentacinque punti percentuali in meno rispetto ai favorevoli in assoluto. Il 35% pensa che la decisione spetti all’assemblea condominiale. Il 22,5% esprimerebbe invece la propria “netta” contrarietà.

    Formulario Coronavirus

    Stampa articolo

    A cura della Redazione

    ×

    Powered by WhatsApp Chat

    × Ti possiamo aiutare?