• La prima casa editrice specializzata nel mondo del Condominio

    Cambia la contabilizzazione del calore in condominio, meglio non parlarne
    L’impatto del recente DPCM sulle assemblee di condominio: questioni di prudenza.
    Stato di emergenza prorogato. Per gli adeguamenti anticendio, come bisogna muoversi?
    Un nuovo DPCM è alle porte. Ed ora cosa succede al rendiconto condominiale?
    Con i contatori di sottrazione legittima la ripartizione delle spese per l’acqua in base ai consumi acqua effettivi.
    Caduta in ascensore. Il risarcimento è ridotto per la preesistenza di problemi deambulatori della danneggiata
    Proroga dello stato di emergenza: cosa succede per la normativa antincendio?

    Superbonus 110%: senza assemblee, gli amministratori di condominio brancolano nel buio

    Redazione Libricondominio | Ottobre 7, 2020

    Ti potrebbe interessare:

    47.09 25.90

    Spedizione gratuita

    Aggiungi al carrello

    Visualizza

    19.90

    Spedizione gratuita

    Aggiungi al carrello

    Visualizza

    13.90

    Spedizione gratuita

    Aggiungi al carrello

    Visualizza

    Giuseppe Bica, presidente Anammi: senza l’assemblea, sarà difficile usufruire del Superbonus.

    “Gli amministratori di condominio brancolano nel buio”. A dirlo all’Adnkronos è Giuseppe Bica, presidente Anammi, Associazione nazional-europea amministratori d’immobili. Le sue parole non fanno altro che fotografare una momento storico molto delicato, dal vista sanitario (emergenza Covid) , e normativo (conversione in legge del decreto Agosto)

    Proprio sui recenti lavori parlamentari in corso, il presidente si sofferma nell’intervista precisando quanto segue: va bene alleggerire le maggiornaze per approvare i lavori previsti per ottenere l’agevolazione ma comunque è sempre necessario indire una assemblea per attivare il superbonus”.

    Organizzare e gesitre un assemblea telematica al momento non è facile organizzarla. Tecnicamente –  Bica ricorda – l”e assemblee di qualunque tipo, condominiali o societarie, possono svolgersi in presenza fisica dei soggetti convocati, a condizione che siano organizzate in locali o spazi adeguati, eventualmente anche all’aperto, che assicurino il mantenimento continuativo della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro fra tutti i partecipanti, evitando ogni forma di assembramento, nel rispetto delle norme sanitarie di contenimento della diffusione del contagio da Covid-19. E’ poi appunto prevista la possibilità di svolgimento delle medesime assemblee da remoto, in quanto compatibile con le specifiche normative vigenti in materia di convocazioni e deliberazioni; ma i condomini sono pronti?”.

    Poi vi è anche una difficoltà logistica dettata dalla individuazione degli spazi consoni ed idonei per realizzare una sssemblea fisica senza incorrere in pericoli di contagio.  Rimarca il presidente Anammi: “abbiamo calcolato che servirebbero 7 mq a condomino, uno spazio del genere lo possiamo forse trovare sui terrazzi condominiali, ma stiamo andando incontro all’inverno e, viste le piogge degli ultimi giorni, non credo sia proprio il caso”.

    Fortunatamente – sottolinea Giuseppe Bica – sono stati prorogati i termini per la presentazione del consuntivo e per la nomina dell’amministratore, ma è chiaro che non si può andare avanti così. Lo sconforto è tanto, vista anche l’esito di una serie di emendamentati presentati dalle associazioni di categoria: tutti rigettati.

    Le Assemblee condominiali “a distanza” al tempo del coronavirus (e oltre…)

    Stampa articolo

    A cura della Redazione

    Facci sapere cosa ne pensi commentando qui sotto
    × Ti possiamo aiutare?