• Decreto attività essenziali: amministratori condominiali inclusi?

    Dott. Marcello Incerti | Marzo 24, 2020

    Ti potrebbe interessare:

    13.90

    Spedizione garantita in 48h e gratuita a partire da 30€

    Aggiungi al carrello

    Visualizza

    13.90

    Spedizione garantita in 48h e gratuita a partire da 30€

    Aggiungi al carrello

    Visualizza

    16.70

    Spedizione garantita in 48h e gratuita a partire da 30€

    Aggiungi al carrello

    Visualizza

    Ieri è stato firmato l’ennesimo dpcm Coronavirus.

     Le attività professionali non sono sospese per le prossime due settimane in quanto nell’elenco dei servizi essenziali compaiono le attività legali, contabili, finanziarie, assicurative, ma anche gli studi di architetti e ingegneri.

    Gli amministratori di condominio sono compresi nel nuovo decreto coronavirus?

    Spulciando la tabella in allegato al decreto, il codice ateco di riferimento (68.32.00) non è compreso anche se -non si sa se per una mera dimenticanza-, a parere dello scrivente, gli amministratori condominiali e svariate categorie di artigiani, costituiscono la spina dorsale dei servizi condominiali, e quindi a tutti gli effetti dovrebbero essere ritenuti essenziali, soprattutto in questo momento di crisi.

    La casa editrice di Libricondominio si sta occupando delle tante sfaccettature di questa tragedia nazionale, dando appoggio anche a quelle associazioni che responsabilmente chiedono una dilazione nei termini degli adempimenti per potersi dedicare con più attenzione ai veri problemi urgenti.

    Adesso è il momento di dare tregua al pressing burocratico che ha raddoppiato i costi di gestione degli ultimi anni per permetterci di concentrare i nostri sforzi ad aiutare le tante famiglie in difficoltà sia economica che psicol­­­ogica.

    “Il vero problema non è lo tsunami che ci ha colpito in questo momento ma sarà la risacca che seguirà. Solo dopo il ritiro dell’onda vedremo i danni lasciati” (questa è la voce che corre, fin dai primi giorni dell’emergenza, nella nostra redazione). 

    Per limitare i danni alla nostra attività e alle famiglie che amministriamo è fondamentale non paralizzare gli uffici e cominciare fin d’ora a ottimizzare i costi che sicuramente fra 2 o 3 mesi peseranno molto più di prima sui nostri studi.

    Quelli di noi che usciranno feriti da questo periodo non devono avere il colpo di grazia dalla paralisi economica.

    Come continuare a lavorare bene durante questo periodo di emergenza

    Con la casa editrice LibriCondominio venerdi 27 marzo diffonderemo gratuitamente agli iscritti alla newsletter un semplice manuale operativo che riassume e spiega in modo semplice tante delle tecniche che da anni insegno ai corsi e ai colleghi per:

    • Informatizzazione a basso costo dell’ufficio
    • Organizzazione di procedure automatiche per contabilità e back office
    • Taglio dei costi e dei tempi dei processi dello studio

    Se non sei già iscritto ti consiglio di utilizzare il form che trovi in questa pagina per ricevere gratuitamente l’ebook quando sarà pronto.

    Intanto ecco tre suggerimenti immediati:

    Controllo remoto dei computer

    Non servono costosi programmi di contabilità cloud o server della NASA, con una normale linea ADSL è possibile controllare i computer del proprio studio grazie ad un programma gratuito (REAL VNC) che adatta la qualità delle schermate trasmesse alla velocità della vostra linea internet.

    Il programma può essere installato su Mac, pc, tablet e qualunque supporto che abbia accesso ad Internet.

    Costo ZERO, possibilità di accendere i computer dall’esterno anche se sono spenti, tempo di installazione 10 MINUTI istruzioni per l’installazione al link https://www.realvnc.com/en/connect/working-remotely-with-vnc-connect/

    Disponibili istruzioni in italiano e video tutorial sul mio sito https://www.administraced.com/emergenza            

    Postalizzazione automatica

    Per non bloccare l’invio delle rate indispensabili in questo periodo, e per evitare lunghe e pericolose file agli sportelli postali, tutti i software più seri di contabilità offrono un collegamento con postalizzatori.

    Spesso l’errore dei colleghi è pensare che si tratti di poste private verso le quali c’è diffidenza, in realtà i postalizzatori utilizzano anche Poste Italiane.

    La scelta è dell’amministratore.

    Non è da escludersi che Poste Italiane limiti alle sole raccomandate il servizio garantito.

    Per evitare malumori per il costo delle raccomandate tra le famiglie già in difficoltà economica, è possibile utilizzare un servizio alternativo molto più economico e veloce MULTICERTA https://www.multicerta.it/emergenza.html

    disponibili istruzioni in italiano e video tutorial sul mio sito https://www.administraced.com/emergenza per la postalizzazione tramite Danea Domustudio.

    Centralino VOIP a basso costo

    Molti amministratori non hanno un telefonino dedicato ai condomini e quelli che ce l’hanno rischiano in questi giorni di vedere la linea intasata.

    Esistono soluzioni cloud super economiche (da 13 euro al mese) che non richiedono l’istallazione di nessun apparecchio all’interno del proprio ufficio.

    Una soluzione apprezzata da alcuni colleghi è Openvoip, azienda in grado di fornirvi un nuovo numero dedicato oltre a quelli in uso.

    Col centralino virtuale Openvoip che riceverete già configurato potrete deviare il traffico sui vostri collaboratori dividendo il lavoro e consentendo maggiore reperibilità ai clienti.

    http://www.openvoip.it/home-page-voip.html#

    Stampa articolo

    Dott. Marcello Incerti

    Amministratore e fondatore ADMINISTRACED – servizi per amministratori condominiali +39 392 8034322 [email protected] http://www.administraced.com
      ×

      Powered by WhatsApp Chat

      × Ti possiamo aiutare?