• La prima casa editrice specializzata nel mondo del Condominio

    Un nuovo DPCM è alle porte. Ed ora cosa succede al rendiconto condominiale?
    Con i contatori di sottrazione legittima la ripartizione delle spese per l’acqua in base ai consumi acqua effettivi.
    Caduta in ascensore. Il risarcimento è ridotto per la preesistenza di problemi deambulatori della danneggiata
    Proroga dello stato di emergenza: cosa succede per la normativa antincendio?
    Come compilare correttamente un verbale assembleare?

    Assemblee telematiche condominiali. Ecco il nuovo testo approvato definitivamente dal Parlamento

    Redazione Libricondominio | Novembre 25, 2020

    Ti potrebbe interessare:

    15.90

    Spedizione gratuita

    Aggiungi al carrello

    Visualizza

    19.90

    Spedizione gratuita

    Aggiungi al carrello

    Visualizza

    83.60 19.90

    Spedizione gratuita

    Aggiungi al carrello

    Visualizza

    Il Parlamento, in sede di conversione del decreto-legge sulle misure anti-Covid, ha approvato definitivamente la norma sulle assemblee condominiali on line.

    Approvato oggi dalla Camera dei Deputati in via definitiva il DDL A.C. 2779 di conversione in legge, con modificazioni, del DL 7/10/2020 n. 125 e l’art. 5 bis (Disposizioni in materia di assemblee condominiali) che dispone la modifica dell’art. 66 sesto comma d.a.c.c. come segue: le parole: “di tutti i condomini” sono sostituite dalle seguenti: “dalla maggioranza dei condomini”.
    La legge di conversione del predetto D.L. (e l’art. 5 bis suddetto) entrerà in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
    Il testo della nuova norma ora cita:

    «Anche ove non espressamente previsto dal regolamento condominiale, previo consenso  della maggioranza dei condomini,  la partecipazione all’assemblea può avvenire in modalità di videoconferenza. In tal caso, il verbale, redatto dal segretario e sottoscritto dal presidente, è trasmesso all’amministratore e a tutti i condomini con le medesime formalità previste per la convocazione».

    Il Formulario sulla assemblea telematica in condominio

    Con la nuova formulazione, la norma  introduce la possibilità di svolgere l’assemblea condominiale anche in videoconferenza con il consenso della “maggioranza dei condòmini”.

    Tale previsione, sostituisce la precedente, che prevedeva il necessario consenso di “tutti i condòmini”.

    Una norma dettata anche dalla situazione provocata dalla emergenza sanitaria Covid-19 che ha costretto la popolazione italiana (e non solo) ad avvicinarsi a nuove tecnologie e ad adattarsi a sistemi interattivi per molti impensabili sino a qualche mese fa.

    Anche in condominio, facendo di necessità virtù, dovrà utilizzare questi mezzi, proprio per superare il divieto di assembramento imposto dai provvedimenti governativi e regionali.

    Infine, viene confermata la possibilità di approvare in sede assembleare, a norma dell’articolo 1138 codice civile, anche il il regolamento per la teleassemblea in modo da evitare, di volta in volta, di dover acquisire il consenso della “maggioranza dei condòmini” per consentirne la partecipazione in videoconferenza.

    Con questa recente modifica il Condominio si apre definitivamente alla tecnologia, rendendo più facili le decisioni, evitando assembramenti sconsigliati e vietati dai recenti DPCM, oltre a dare la possibilità di poter avviare il percorso decisionale volto alla approvazione dei lavori agevolabili con il Superbonus 110%.

    Teleassemblee in condominio: istruzioni per l’uso

    Stampa articolo

    A cura della Redazione

    Facci sapere cosa ne pensi commentando qui sotto
    × Ti possiamo aiutare?